Danilo_Petrucci_ducati_motoGP_Mugello_2019_marcoserenaPH

Strepitosa gara al Mugello: prima vittoria in carriera per Danilo Petrucci in MotoGP dopo una battaglia a tre con Marquez (alla fine secondo) e Dovizioso (3°). Ritirato Valentino Rossi che cade durante l’ottavo giro all’Arrabbiata 2. Fuori anche Bagnaia. In classifica Marquez ha 115 punti: 12 di vantaggio su Dovizioso, 27 su Rins, 33 su Petrucci, 43 su Rossi

Danilo_Petrucci_ducati_motoGP_Mugello_2019_marcoserenaPH
MotoGP GP d’Italia – Mugello 2019 – Vittoria per Danilo Petrucci su Ducati – foto di Marco Serena PH

L’attesa è stata lunga – 124 gare – ma alla fine ne è valsa la pena. Danilo Petrucci è l’eroe del Mugello. Salire sul gradino più alto del podio per la prima volta nel Gran Premio di casa è meraviglioso. Una vittoria così emozionante che è impossibile trattenere le lacrime dopo la bandiera a scacchi. Il sorpasso decisivo è stato una manovra calibrata alla perfezione, che lo colloca – senza più alcun dubbio – tra i migliori piloti in griglia. Alle sue spalle Marc Marquez con una Honda costruita intorno a lui.

Botta e risposta Marquez-Lorenzo

Tema quest’ultimo che ha suscitato non poche polemiche, non tanto per Lorenzo che ha detto di voler avere una Honda non guidabile solo da Marquez, quanto per la risposta arrivata proprio da Marquez nel post gara. Intanto Lorenzo è atteso in Giappone alla Honda per trovare una soluzione tecnica che si addica di più al suo stile. Terzo gradino del podio per Andrea Dovizioso, che da un lato si è goduto il podio del Mugello, unico, dall’altro sperava in qualcosa di più. Perchè adesso in campionato sono 12 i punti che lo separano da Marquez.

Rossi fuori in anticipo 

Disastro Yamaha: Valentino Rossi ha sofferto dal venerdì alla domenica, quando, scattato dalla 18esima casella, si è ritrovato dopo pochi giri nella ghiaia per un contatto con la Suzuki di Mir. Cose che capitano quando parti dalle retrovie. Il problema, ha detto il Dottore, è stato non trovare il giro perfetto nelle FP3 quando, infatti, è andato lungo all’ultima curva. Certo è che alla M1 manca potenza e in generale sembra mlto distante dalle più performanti Honda e Ducati.

L’ordine di arrivo

1 Danilo PETRUCCI 41’33.794
2 Marc MARQUEZ +0.043
3 Andrea DOVIZIOSO +0.338
4 Alex RINS +0.535
5 Takaaki NAKAGAMI 6.535
6 Maverick VINALES 7.481
7 Michele PIRRO 13.288
8 Cal CRUTCHLOW 13.937
9 Pol ESPARGARO’ 16.533
10 Fabio QUARTARARO 17.994
11 Aleix ESPARGARO’ 20.523
12 Joan MIR 20.544
13 Jorge LORENZO 20.813
14 Karel ABRAHAM 27.298
15 Andrea IANNONE 28.051
16 Miguel OLIVEIRA 30.101
17 Johann ZARCO 41.857

Non classificati

Jack MILLER 8 Giri
Francesco BAGNAIA 12 Giri
Hafizh SYAHRIN 14 Giri
Valentino ROSSI 16 Giri
Franco MORBIDELLI 18 Giri

La classifica aggiornata

1     Marc Márquez 115
2     Andrea Dovizioso    103
3     Alex Rins    88
4     Danilo Petrucci    82
5     Valentino Rossi    72
6     Jack Miller    42
7     Cal Crutchlow    42
8     Maverick Vinales    40
9     Takaaki Nakagami    40
10     Pol Espargaro’    38
11     Franco Morbidelli    34
12     Fabio Quartararo    31
13     Aleix Espargaro    27
14     Jorge Lorenzo    19
15     Joan Mir    12
16     Johann Zarco    10
17     Michele Pirro    9
18     Francesco Bagnaia    9
19     Miguel Oliveira    8
20     Andrea Iannone    7
21     Stefan Bradl    6
22     Karel Abraham    2
23     Hafizh Syahrin    2
24     Tito Rabat    2
25     Bradley Smith    0