Home Motorsports Formula 1 Imola GP: Verstappen vince davanti a Perez e Norris, solo sesto Leclerc

Imola GP: Verstappen vince davanti a Perez e Norris, solo sesto Leclerc

206
0

Il campione in carica domina il quarto appuntamento del Mondiale davanti al proprio compagno di squadra.

La Red Bull sbanca Imola nel primo giorno nero della Ferrari: Verstappen domina il GP dell’Emilia Romagna dalla pole position e chiude davanti al compagno di squadra Sergio Perez ed a Lando Norris con la McLaren. Charles Leclerc taglia il traguardo in sesta posizione a causa di un errore nel finale alla Variante Alta che lo costringe ai box a cambiare l’ala anteriore. Dura solo poche centinaia di metri il GP di Carlos Sainz che si tocca con Daniel Ricciardo al primo giro. George Russell quarto davanti a Valtteri Bottas ed allo stesso Leclerc. Solo 14esimo Lewis Hamlton.

Tutti al via con pneumatici intermedi. Leclerc pattina e perde due posizioni allo spegnimento del semaforo, superato da Perez e Norris mentre Ricciardo tampona Sainz e lo elimina alla prima variante. Nella ghiaia anche Schumacher che tocca Alonso e riprende. Safety car in pista ma nessuna investigazione necessaria sull’episodio. Ricciardo ai box per cambiare gli penumatici. Il Gran Premio riparte al quinto dei sessantatré giri in programma. Leclerc prova ad attaccare Norris. Alle sue spalle Magnussen e Russell, partito benissimo, mentre Hamilton è undicesimo. Alonso abbandona con la fiancata destra danneggiata nel contatto iniziale con Schumacher. Leclerc passa Norris all’ottavo giro (prima variante) e si lancia all’inseguimento di Perez. Battaglia accesissima tra Magnussen e Russell che passa il danese della Haas al tredicesimo giro (Variante Alta). Il giro seguente anche Bottas passa Magnussen per la sesta posizione. Leclerc si avvicina a Perez ma Verstappen ha un vantaggio di sette secondi sul ferrarista. Ricciardo ai box per montare le slick di mescola media (giro 17). Perez ai box al giro 19 (media), insieme a Russell, Bottas ed Hamilton.

Al giro 20 ai box Verstappen, Leclerc e Norris. Charles esce davanti a Perez ma il messicano ha gomma calda e supera la Ferrari numero 16 alla Villeneuve. Tra i due è di nuovo sfida ravvicinata ma Sergio tiene testa alla Rossa. Schumacher di nuovo in difficoltà: taglia la Variante Alta e rientra sfiorando la Williams di Latifi. Il rischio pioggia sembra allontanarsi ma sull’asfalto solo la “racing line” è davvero asciutta. Perez taglia nell’erba la Variante Alta, Leclerc lo attacca all’inizio del 29esimo giro ma la Direzione Gara ha bloccato il DRS per ragioni di sicurezza ed il messicano resiste. Metà gara (giro 32): Verstappen, Perez, Leclerc, Norris, Russell, Bottas, Vettel e Magnussen, Tsunoda e Stroll nella top ten. Hamilton è solo 14esimo. DRS in funzione dal giro 33. Al quarantunesimo giro Verstappen doppia Hamilton che è ingaggiato con Albon e Gasly, mentre Perez ha un margine di sicurezza nei confronti di Leclerc superiore ai tre secondi al giro 45. Mentre Gasly difende con le unghie e con i denti la tredicesima posizione da Hamilton, al giro 48 il suo compagno di squadra Tsunoda passa Gasly per l’ottava. Leclerc ai box per montare gomma soft (giro 50) ma viene superato da Norris al rientro in pista. La Red Bull risponde subito con il pit stop di Perez. Leclerc passa Norris e si getta di nuovo all’inseguimento di Perez. Verstappen ai box al giro 52.

Leclerc sbaglia al giro 54! Testacoda al giro 54 e contatto leggero con le protezioni. Rientra ai box, cambia l’ala anteriore e torna in pista in nona posizione, alle spalle di Magnussen che supera al 56esimo passaggio per poi raggiungere e passare anche Vettel e Tunoda, salendo in sesta posizione. Doppietta Red Bull al traguardo e podio importantissimo per Norris con la McLaren. Russell porta la Mercede al quarto posto davanti a uno straordinario Bottas con l’Alfa Romeo ed a Leclerc Tsunoda, Vettel, Magnussen e Stroll chiudono la top ten, mentre Hamilton deve rasegnarsi alla 13esima posizione alle spalle di Albon e Gasly, gudagnandone peraltro una al traguardo grazie ai cinque secondi di penalità comminati ad Ocon (undicesimo in pista) per unsafe release durante una sosta ai box. 

Previous articleMotoGp Austin 2022, Bastianini su Ducati vince davanti a Rins e Miller
Next articleMotoGp Portogallo: Quartararo domina, sul podio Zarco e Aleix Espargaro. Male le altre Ducati.