Il pilota francese Quartararo conquista il quinto successo stagionale e porta a 65 i punti di vantaggio dal secondo posto in generale

Fabio Quartararo conquista il successo nel GP di Gran Bretagna, dodicesima tappa stagionale della MotoGP, allungando così in maniera decisa in classifica generale. Il leader del mondiale vince a Silverstone davanti alla Suzuki di Rins e l’Aprilia di Aleix Espargarò. Quattordicesimo posto per Francesco Bagnaia, mentre Valentino Rossi chiude diciottesimo. In avvio di gara caduta e ritiro per la Honda di Marc Marquez.

Una vittoria voluta e cercata sin dal primo giro, con l’aggressività che lo contraddistingue e la forza d’animo che lo proietta sempre più verso il titolo mondiale tanto ambito. Gara d’applausi per Fabio Quartararo che a Silverstone, nella cattedrale della velocità britannica, conquista l’ennesimo trionfo di una stagione fin qui perfetta per lui, diabolica e pungente al punto giusto per un pilota che vuole imporsi nel mondiale dopo la delusione vissuta lo scorso anno. Per “El Diablo” sono ora 65 i punti di vantaggio dal secondo posto in generale occupato da Joan Mir e le sei gare al termine disegnano una situazione che tanto Fabio quanto la Yamaha sanno bene: tutto è nelle mani del francese e della sua M1. 

Dietro al pilota di Nizza è vera e propria bagarre, con i fratelli Espargarò che sognano, si illudono e poi soltanto uno riesce a salire sul podio. Si tratta di Aleix Espargarò, terzo al traguardo alle spalle della Suzuki di Alex Rins, che fino all’ultima curva ha tremato e temuto sotto gli attacchi della Ducati di Jack Miller. Ma alla fine a festeggiare è appunto l’Aprilia, che torna sul podio dopo oltre 21 anni di assenza dall’ultima presenza proprio in Inghilterra, quando la top class girava a Donington nel 2000. Il primo dei delusi, come detto, è l’australiano Miller, quarto al traguardo davanti a Pol Espargarò e alla KTM di Binder, mentre prosegue il momento magico di Iker Lecuona che conquista il settimo posto.

Chiudono in top 10 anche Alex Marquez, l’iridato Mir e Danilo Petrucci. A punti anche Johann Zarco, undicesimo, insieme a Enea Bastianini e Takaaki Nakagami. Crollo importante delle prestazioni per Francesco Bagnaia e Valentino Rossi, che escono amareggiati dalla domenica britannica. Per Pecco ci sono i punti del 14° posto, ma la delusione di chi partiva dalla seconda posizione in griglia e di chi ha visto passare via via tutti i piloti alle spalle a causa di problemi con le gomme (il torinese aveva scelto una coppia di soft-medie). Per il “Dottore” è invece penultimo posto alle spalle di Marini, Oliveira Crutchlow e davanti al solo Jake Dixon. Anche per il pilota di Tavullia tante difficoltà in gara e l’illusione di poter lottare per i posti nobili, poi il calo delle prestazioni e il risultato deludente. In avvio di gara scontro tra Marc Marquez e Jorge Martìn, con entrambi gli spagnoli costretti a posteggiare le rispettive moto ai box in vista della prossima tappa ad Aragon prevista nel weekend tra il 10 e il 12 settembre.

Fonte: Sport Mediaset Editorial