Lo spagnolo Vinales vince in solitaria, spettacolare volata per il podio tra Zarco, Bagnaia e Mir

https://photos.motogp.com/2021/03/28/yfr_editorial_use_pictures_201239557555.big.jpg

Vinales vince in rimonta il primo GP della stagione in Qatar. Due Ducati completano il podio, con il sorprendente Zarco seguito da Bagnaia, bravi entrambi a superare Mir sul traguardo grazie alla potenza del motore Desmosedici. Eccellente Bastianini, che chiude 10° all’esordio in MotoGP. Conferme positive per l’Aprilia con Aleix Espargaró 7°.
Deludenti i due piloti Petronas: Rossi è 12°, Morbidelli chiude 18°

Tante sorprese nella prima, spettacolare gara del 2021 della MotoGP. A partire dal vincitore. Tutti si aspettavano un duello tra Jack Miller e Franco Morbidelli (che si erano definiti a vicenda “l’uomo da battere” alla vigilia del GP Qatar) e invece nessuno dei due è salito sul podio di Losail. Il più veloce, il più bravo, il più deciso nel cercare una vittoria con una gara perfetta è stato Maverick Vinales, che dimostra di non sentire pressione per l’arrivo nel box Yamaha di un talento come Fabio Quartararo. Lo spagnolo ha vinto in rimonta, dopo una partenza non proprio brillante.

Dietro Vinales si piazzano due Ducati. Anche qui c’è una sorpresa: al secondo posto c’è la Ducati Pramac di Zarco, davvero aggressivo e deciso in sella alla Desmosedici. Il francese porta quindi la Pramac sul podio all’esordio con il team satellite Ducati. Al terzo posto troviamo il migliore dei piloti italiani a Losail: dopo aver firmato la pole e il nuovo record della pista, Bagnaia centra un podio inaspettato. Non tanto per quanto avevamo visto nelle prove e nelle qualifiche (dove Pecco è stato straordinario), ma per via del fatto che fino all’ultima curva Bagnaia era quarto. Tutto nasce da un errore all’ultima staccata di Mir, che va sullo sporco e retrocede dal secondo al quarto posto, superato sul traguardo proprio dallo scatto furioso delle due Desmosedici di Zarco e Bagnaia. Ed ecco allora il francese chiudere in seconda posizione, proprio davanti a Pecco. Un finale imprevedibile.

Parlando di piloti italiani, è da sottolineare a proposito di sorprese la domenica da sogno di Enea Bastianini. All’esordio in MotoGP, il pilota del team Esponsorama chiude addirittura in decima posizione, un risultato che va oltre le aspettative. Più staccati gli altri italiani. Valentino Rossi chiude 12°, alle prese con un problema di surriscaldamento della gomma posteriore. Franco Morbidelli è 18° al traguardo, a causa di un problema all’ammortizzatore posteriore che ha compromesso la sua gara. Danilo Petrucci termina la sua domenica al primo giro a causa di una caduta, per fortuna senza conseguenze. Luca Marini, anche lui all’esordio in MotoGP, si piazza 16°. Ultima posizione all’arrivo per Lorenzo Savadori.